Cos’è la Legionella? Salute a Rischio

In base al Decreto 81/08 la Legionella pneumophila è un agente di rischio biologico di classe 2, ovvero un batterio responsabile di infezioni in soggetti umani, che interessano prevalentemente l’apparato respiratorio. Il batterio della Legionella nei sistemi d'acqua: L'acqua è l'habitat ideale per lo sviluppo e la proliferazione del batterio Legionella, che viene definito infatti “ubiquitario” e che trova larghissima diffusione nei bacini idrici, sia naturali che artificiali.


La Legionella è un batterio che sopravvive fino a 55°C e in ambienti acquatici, motivo per cui tubature, serbatoi e boiler di acqua calda sanitaria, impianti di climatizzazione, unità di trattamento aria (UTA) e torri evaporative, rappresentano l'habitat ideale per il suo sviluppo e proliferazione.


Come si trasmette:

Tale batterio si trasmette all’uomo attraverso l’inalazione di aerosol contaminati, quindi tutti i luoghi in cui si può entrare in contatto con acqua nebulizzata possono considerarsi a rischio. Tra i contesti maggiormente esposti al rischio legionella ci sono strutture quali: ospedali, cliniche, case di cura, alberghi, campeggi, impianti per attività sportive, centri termali e, più in generale, tutti quei luoghi in cui vi è una cattiva manutenzione degli impianti idrici o degli impianti aeraulici.


Dal batterio alla malattia

La Legionella è capace di sopravvivere e proliferare nell’acqua, laddove quest'ultima ristagni per lunghi periodi di tempo ed a temperature favorevoli. Con il passare del tempo, infatti, il batterio Legionella, in presenza di flora autoctona, si stratifica e si moltiplica fino a creare una barriera protettiva, definita biofilm.

Arrivati a questo punto il rischio biologico per il sistema idrico-sanitario aumenta in modo esponenziale rendendo necessarie attività di bonifica dell'intero impianto oggetto d'infezione.


La malattia fu denominata tale in seguito all’epidemia che colpì un gruppo di veterani statunitensi dell’American Legion nel 1976. Essa si trasmette per via aerea, attraverso le mucose delle prime vie respiratorie, per poi diffondersi ed infine attaccare i polmoni. Il batterio Legionella è responsabile di diverse patologie, ma può svilupparsi principalmente con l’insorgere di due distinte infezioni: malattia dei Legionari o Febbre di Pontiac. Il tasso di mortalità da Legionella è alto ed oscilla mediamente tra il 5% ed il 10%.





Misure di prevenzione:

La prevenzione delle infezioni da Legionella si basa fondamentalmente su 2 fattori:

  • Una corretta progettazione e realizzazione degli impianti tecnici che comportano un riscaldamento dell’acqua e/o la sua nebulizzazione (quali ad esempio: gli impianti idro-sanitari, di condizionamento e umidificazione, le torri di raffreddamento ed i condensatori evaporativi, le piscine, gli impianti termali e di idromassaggio, etc.).

  • Rivolgersi ad un'Azienda qualificata e certificata nel settore, al fine di mettere in atto una serie di misure preventive (che vanno dalla manutenzione ordinaria, alla bonifica, fino alla sanificazione in continuo), atte a contrastare la moltiplicazione e la diffusione di Legionella nei luoghi maggiormente a rischio. Strategie di prevenzione e tipologie di intervento andrebbero di fatti sempre studiate ad hoc, anche in base al settore di attività ed alla tipologia di rischio correlato, al fine di garantirne la massima efficacia.

CRITICITA’

Ad oggi il fattore di rischio correlato alla Legionellosi (l’infezione polmonare causata dal batterio della Legionella) è purtroppo ampiamente sottovalutato, sia dai datori di lavoro che dagli operatori dei settori professionalmente più esposti, anche a causa di una scarsa campagna di informazione e sensibilizzazione sul tema.

Risulta evidente, quindi, come tale fenomeno rappresenti ancora oggi un problema emergente in materia di Sanità e di Salute Pubblica, sottoposto a sorveglianza speciale da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e della Comunità Europea, vista la crescente insorgenza di focolai (e relative vittime) negli ultimi anni.


L’Italia, in particolar modo, come si evince dal Report 2021 dell’Ecdc European Centre for Desease Prevention and Control), risulta essere tra i Paesi Europei in cui si è avuto il maggior numero di infezioni da Legionella, raggiungendo insieme a Francia, Germania e Spagna il 72% del totale dei casi notificati per il periodo di monitoraggio 2019/2020.


LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI, 7 Maggio 2015

Le Linee guida per la legionellosi stabiliscono che il Protocollo di Controllo del Rischio Legionella (nelle sue diverse fasi di valutazione, gestione e comunicazione del rischio) è obbligatorio per tutte le strutture potenzialmente a rischio, con riferimento agli impianti idraulici e di condizionamento.


A livello aziendale, dunque attuare corrette misure di prevenzione e regolare manutenzione degli impianti idrici ed aeraulici può evitare non solo rischi per la salute dei lavoratori, ma anche sanzioni sul piano economico, oltre che di responsabilità civile / penale.

In base alle vigenti normative, infatti, in caso di controlli la mancata elaborazione della documentazione sulla Prevenzione del Rischio da Legionella, in caso di contagio si rischia:

  • Arresto da 3 a 6 mesi con Ammenda da 2740 euro a più di 7000 euro.

  • Procedimento Penale in caso di morte del soggetto.

  • Chiusura temporanea della struttura o dell’attività.



FASI DI INTERVENTO PER LA BONIFICA DA LEGIONELLA:

Prima di tutto è necessario conoscere la struttura dell'impianto e valutare quali possano essere i luoghi di campionamento. Successivamente detti campionamenti vengono analizzati da un Laboratorio Certificato Accredia per la ricerca di Legionella. In caso di positività alle analisi microbiologiche, si valuterà come intervenire per bonificare l'impianto di Acqua Calda Sanitaria.


Il Responsabile tecnico procederà a stilare un progetto di bonifica e far si che l'impianto possa tornare ad essere fruibile da dipendenti, clienti, fornitori ed utenza in generale. Trascorse circa 48 ore dall’intervento di bonifica, si effettuano nuovi campionamenti da inviare in laboratorio per le analisi di verifica e, successivamente all’esito positivo delle stesse, si rilascia il Certificato di avvenuta sanificazione dell’impianto.


Legionella24 è la Divisione specializzata nella prevenzione e bonifica da Legionella negli impianti di Acqua Calda Sanitaria (ACS) nelle strutture ricettive, sanitarie e industriali del Gruppo SANARAPIDA.


Analisi microbiologiche, stesura del DVR (Documento Valutazione dei rischi) ed interventi di bonifica e sanificazione degli impianti idrici ed aeraulici, con efficacia garantita al 100%.


Il nostro obiettivo è promuovere una maggior consapevolezza sui rischi che possono derivare da un contagio di Legionella in tutti i luoghi di lavoro, o con accesso al pubblico.


Per richiedere un check-up gratuito del tuo impianto contattaci: info@sanarapida.it Numero Verde: 800 869 119


Per saperne di più, visita il sito www.sanarapida.com


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square